Tu sei qui

Tu sei qui

United States

L'arte, la cultura, la tecnologia, la società: una nuova mappa dell'Italia che cambia e che si muove. Incontri, conversazioni, reportage e scoperte a cura di Carlo Annese. Il logo è di Francesco Poroli.

Episodes

11. Dalton Trumbo e la radio a teatro  

Sergio Ferrentino e la Fonderia Mercury portano in scena al Franco Parenti di Milano, in forma di audiodramma, "E Johnny prese il fucile", il romanzo con il quale Dalton Trumbo vinse il National Book Award nel 1939. Trumbo è stato uno degli sceneggiatori più famosi e pagati di Hollywood, perseguitato alla fine degli Anni 40 per le idee comuniste: il suo nome è diventato familiare grazie al film "L'ultima parola" con Brian Cranston. Ferrentino (nome storico di Radio Popolare e creatore di "Caterpillar" con Massimo Cirri) porta letteralmente la radio a teatro, usando un microfono binaurale e chiedendo agli spettatori di seguire la storia usando una cuffia. In questa intervista parla di questo lavoro e, soprattutto, da dove deriva la drammaturgia radiofonica e quali prospettive può avere in Italia.

10. Il Paese dove crescono i limoni  

La storia d'Italia attraverso la coltivazione degli agrumi. Un modo originale di raccontarci, da parte di Helena Attlee, storica inglese dei giardini e autrice di "The Land where Lemons Grow (Penguin). La puntata è stata registrata durante uno dei Talks di "Italy, Why Not?" alla libreria Open di Milano. Alla conversazione ha partecipato Martin Kater, direttore (olandese) dell'Orto Botanico di Brera.

9. Bjorn Larsson e l'Italia  

«L'incontro con l'Italia ha cambiato profondamente la mia vita, l'ha resa più ricca, meno prevedibile e più piena di significato». Così scrive Bjorn Larsson nelle prime pagine di "Diario di bordo di uno scrittore". Grazie anche al grande successo dei suoi romanzi, l'autore de "La vera storia del pirata Long John Silver" ha costruito un rapporto particolarmente stretto con il nostro Paese e con il nostro mare. Larsson ne parla in una conversazione registrata alla libreria Open di Milano, durante uno degli eventi di “Italy, Why Not?”, in cui tra l'altro anticipa l'argomento del nuovo romanzo al quale sta lavorando.

A nuoto nell'oceano  

Sabrina Peron, avvocato milanese, nell'agosto del 2015 è diventata la prima donna italiana ad aver attraversato a nuoto lo Stretto di Catalina (una delle 7 traversate più difficili al mondo), in 12 ore 10 minuti e 38 secondi, tra squali e correnti. Il racconto della sua impresa durante uno degli eventi di "Italy, Why Not?" alla libreria Open di Milano.

Fatto in Italia, con JJ Martin e Clement Vachon  

L’eccellenza del Made in Italy attraverso l'esperienza di chi ha contribuito in prima persona a crearla e di chi la racconta come giornalista e da poco ha anche iniziato a farne parte attraverso un sito di e-commerce di prodotti esclusivamente italiani. Una conversazione con JJ Martin, editor-at-large per l'Italia di Wallpaper e fondatrice di LaDoubleJ.com, e Clement Vachon, responsabile della comunicazione internazionale di Acqua San Pellegrino. Da Londra (via Skype) Lorenzo Curci, creatore della linea di abbigliamento tecnico su misura per il ciclismo Huez.co.uk. Registrazione dal vivo durante il quarto evento del ciclo "Italy, Why Not?", alla libreria Open More than Books, di Milano, il 9 settembre 2015.

I Fratelli Kristmas, con Giacomo Papi  

Babbo Natale esiste e si chiama Niklas Kristmas, ma non se la passa tanto bene. Ha un terribile raffreddore e deve chiedere a suo fratello Luciano di sostituirlo per consegnare i regali. Ne nasce un'avventura piena di elfi, nani e valchirie, che Giacomo Papi ha raccontato in una favola contemporanea pubblicata da Einaudi. Tra "uguagliatori" nostalgici di Mao e capitalisti avidi che si comprano la Grecia e la trasformano in un parco per divertimenti, il romanzo fa riflettere su ciò che siamo e ciò che abbiamo. Ne parla l'autore in un'intervista con Carlo Annese.

Henri Cartier-Bresson e gli altri, con Giovanna Calvenzi  

Tra la Terra incantata, piena di paesaggi magici e di opere d'arte spettacolari, e la Terra dei Fuochi, devastata dalle mafie e dall'incuria, agli occhi dello straniero non esiste una via di mezzo. Lo conferma la mostra "Henri Cartier-Bresson e gli altri" (Milano, Palazzo della Ragione, fino al 7 febbraio 2016) che raccoglie i lavori di 36 grandi fotografi internazionali dedicati all'Italia. 

La curatrice della mostra, Giovanna Calvenzi, la introduce selezionando nove dei nomi più significativi. Intervento registrato durante il terzo evento di "Italy, Why Not?" alla libreria Open di Milano.

"Italy, Why Not?", con Charles Lambert  

Perché la letteratura italiana non riesce ancora a fare i conti con il terrorismo? E come mai per uno scrittore straniero è più semplice affrontare gli Anni di Piombo in forma di fiction? Charles Lambert, autore di "Occasioni di morte" (Voland) e Maurizio Baruffi, capo di gabinetto del sindaco Pisapia, ne discutono nel corso della terza "Talk/ Chiacchiera" organizzata alla libreria Open di Milano. È l'occasione per parlare della percezione della politica italiana, di Expo e del confronto (impari) tra la capitale politica e quella morale del nostro Paese. 

Conduce: Carlo Annese. Partecipa: Derek Allen.

Music by Lee Rosevere (freemusicarchive.org)

"Italy, Why Not?" con E. Kostioukovitch e D. Paolini  

Perché gli italiani amano parlare di cibo? È il titolo del libro di Elena Kostioukovitch, scrittrice, saggista e traduttrice russa che vive in Italia da molti anni. Ne parla con lei Davide Paolini, alias il Gastronauta, nel secondo appuntamento del ciclo di incontri pubblici alla libreria Open-More than Books di Milano.

Intervengono: Nicholas Misani (via Skype da New York) e Paola Calciolari (dell'azienda Le Tamerici).

Andrea Petrini e il cibo degli italiani  

 

Parla e scrive di gastronomia da oltre venticinque anni, Time lo ha inserito tra Gli Dei del Cibo. Andrea Petrini, giornalista, consulente gastronomico e fondatore di Gelinaz, è la persona più adatta a cui chiedere perché agli italiani piace così tanto parlare di cibo.

Le sue risposte non sono affatto scontate; non seguono l'onda, piuttosto la attraversano. E se tutti, oggi, celebrano le eccellenze italiane, lui va clamorosamente controcorrente e spiega perché che i nostri chef sono in ritardo.

Musica di Lee Rosevere (freemusicarchive.org)

"Italy, Why Not?", con Tim Parks  

Qual è l'idea che gli stranieri hanno dell'Italia? Mentre gli occhi di tutto il mondo si concentrano su Milano per l'Expo 2015, lo chiediamo a scrittori, giornalisti e imprenditori che vivono o che hanno vissuto nel nostro Paese, o che qui hanno ambientato le loro storie e le loro ricerche, in un ciclo di incontri pubblici presso Open-More than Books, a Milano.

 

Il primo a essere intervistato da Carlo Annese è Tim Parks, scrittore inglese e autore di "Coincidenze. Sui binari da Milano a Palermo" (Bompiani).

 

Ospiti: Alessandro Gallenzi di Almabooks, Derek Allen nelle vesti di William Shakespeare e l'illustratore Francesco Poroli.

 

 

Musica di: Lee Rosevere, "Up all night" (Freemusicarchive.org)

0:00/0:00
Video player is in betaClose