Episodi

  • Per l’attualità della settimana: la “nuova vita” post lockdown potrebbe essere persistente, ad esempio col lavoro da remoto. Ma una simile evoluzione avrà impatti pesantissimi sul sistema dei trasporti pubblici, col crollo del tasso di occupazione dei posti. FCA chiede la garanzia dello Stato italiano su una linea di credito: aspettate a indignarvi. Si fa ma non si dice: sospeso il Decreto dignità per l’obbligo di causale nel rinnovo del tempo determinato, sino a fine agosto. Peccato che servirà a poco.Come si riorganizza per la Fase 2-Bis una forma di ristorazione quale il fast food? Protocolli di igiene e distanziamento, pagamenti ed altro spiegati da Tommaso Valle, direttore Corporate Communications di McDonald’s Italia.C’è qualcuno che per l’Italia vorrebbe il MES ma con la Troika, per porre fine a decenni di deficit e disfunzioni del sistema-paese. Ma quanto è realistico pensare che il vincolo esterno prevalga sul modello culturale dominante di un paese? E possiamo ambire ad essere federalisti come gli svizzeri, che votano nei referendum per aumentare le tasse? Ne parliamo con Giancarlo Pagliarini, già ministro del Bilancio ed esponente della Lega che fu, in altra era geologica.Quanto rischiano gli imprenditori in caso di contagio di un dipendente, anche se hanno adottato scrupolosamente i protocolli di igiene e sicurezza contro la pandemia? Ne parliamo con l’avvocato Alessandro De Nicola.

  • Episodi mancanti?

    Fai clic qui per aggiornare il feed.

  • Per l’attualità della settimana: la grande distruzione di occupazione e gli indici di disoccupazione che non riflettono la realtà, perché non considerano l’enorme aumento di inattivi da lockdown; le proposte di riduzione dell’orario di lavoro, per fare una misteriosa “formazione” o redistribuire una torta sempre più piccola; lo stato imprenditore che insedia nei consigli di amministrazione amici degli amici e trombati della politica?Come supportare le aziende in un momento di grave tensione di liquidità, senza fare erogazioni a pioggia e privilegiando quelle che prima della pandemia pagavano le tasse ed erano vive e vitali? Ricorrendo alla leva fiscale, magari restituendo parte delle tasse pagate purché quegli importi siano vincolati a ricapitalizzazione. Le idee di Carlo Calenda, eurodeputato e leader di Azione.Il miraggio ritorna: lavorare meno, lavorare tutti? Nel paese che ha elevato a totem il modello superfisso, continua a non essere compreso che la riduzione degli orari è frutto della redistribuzione degli aumenti di produttività. Ne parliamo con Maurizio Del Conte, già presidente Anpal e ordinario di diritto del lavoro all’Università Bocconi.Dal MES senza condizioni se non la destinazione delle risorse a spese sanitarie, dirette ed indirette, alla sentenza della Corte costituzionale federale tedesca, che rischia di mettere una bomba ad alto potenziale sotto le fondamenta della Ue, ed il “caso italiano” con la Bce che puntella il nostro accesso ai mercati ma in modo sempre più difficoltoso e problematico. Ne parliamo con Silvia Merler, economista.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, il dato di disoccupazione italiana, abbattuto dal forte aumento di inattivi causa lockdown; la ripresa della tensione tra Trump e la Cina, con minacce di richiesta risarcimenti a Pechino che qualcuno in Lombardia rilancia, con grande sprezzo del ridicolo; l’allentamento dei divieti di aiuti di stato nella Ue, che rischia di creare problemi ai paesi meno dotati di risorse fiscali, come il nostro.Il trasporto pubblico locale, le città e i tempi di vita al tempo della progressiva riapertura: il rischio crack per le aziende di trasporto, col crollo del tasso di riempimento dei posti, il prevedibile forte aumento di utilizzo dei mezzi privati e i limiti di accesso alle aree urbane. Ne parliamo con Carlo Scarpa, ordinario di Economia Politica all’Università di Brescia.La grande distribuzione ieri, oggi e domani. Come (e se) ha guadagnato dal lockdown, cosa e come potrebbe cambiare nei modelli distributivi: ne parliamo con Luca Pellegrini, ordinario di Marketing allo IULM.Per concludere, Michele Boldrin commenta la replicabilità del “modello veneto” ai fini della riapertura delle attività produttive e le suggestioni della “Nuova era” di organizzazione sociale che molti politici e sindacalisti paiono vagheggiare per il “dopo” confinamento.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana: cosa ci aspetta nella fase 2, tra distanziamento sociale e impatti sulla produttività; l’universo alternativo dei politici italiani, tra banche centrali che non sarebbero pubbliche e debito perpetuo a tasso zero; l’economia della pandemia negli Stati Uniti, come gigantesca ipotesi di cartolarizzazione di flussi futuri di ricavi delle aziende; le terapie antivirus del Dottor Stranamore Trump, e molto altro.Che futuro aspetta i trasporti pubblici, dalla dimensione locale alle lunghe percorrenze? E che ruolo avranno le aziende negli spostamenti lavorativi dei propri dipendenti? Diverranno una sorta di mobility provider? Ne parliamo con Andrea Giuricin, economista dei trasporti e consulente.Dopo il Consiglio europeo, verso i Recovery Bond. Quello che non esisteva solo due mesi fa, quello che la Ue ha nel frattempo creato, quello che verrà creato. Il bilancio pluriennale Ue e quali risorse aggiuntive acquisire per finanziarne l’espansione, il ruolo della Bce, che potrebbe doversi ulteriormente espandere, attendendo i tempi della politica, l’Italia da contributore a beneficiario netto dei fondi europei? Ne parliamo con David Carretta, giornalista corrispondente dalle istituzioni europee.Quale futuro per le relazioni internazionali ed il modello “capitalista liberale”, durante e dopo la pandemia? Collaborazione o accentuazione del conflitto tra stati ed aree d’influenza geopolitica? Fine dell’internazionalismo liberale e rinascita dei nazionalismi? Lo Stato sempre più presente nell’economia, come necessità e risposta alla domanda di “protezione” da parte dei cittadini: sicuri che andrà meglio? Ne parliamo con Vittorio Emanuele Parsi, ordinario di Relazioni internazionali all’Università Cattolica di Milano ed autore dell’instant ebook “Vulnerabili: come la pandemia cambierà il mondo: Tre scenari per la politica internazionale“.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, la proposta del presidente francese Emmanuel Macron sui Recovery Bond, a pochi giorni da un consiglio europeo che potrebbe essere decisivo, in un senso o nell’altro, per il futuro di Ue ed eurozona; senza suonare il “liberi tutti”, riflettiamo sul fatto che, ovunque in Europa, si è verificata un’ecatombe nelle RSA. In quanto, come e dove la gestione italiana della pandemia è stata differente da quella di altri paesi?Arriva la fase 2? Nel frastuono italiano di annunci e smentite a tutti i livelli istituzionali e locali, aperture a scacchiera e minacce di serrate regionali, tutti i paesi si attrezzano per la riapertura, ed alcuni l’hanno già avviata. Ma come valutare il tipo di lockdown scelto dal nostro paese? Ne parliamo con Gilberto Corbellini, professore ordinario di storia della medicina e alla Sapienza Università di Roma.Le imprese necessitano disperatamente di liquidità ma i tempi di erogazione da parte dello stato sono lenti. Il fintech può porsi tra imprenditori richiedenti credito e investitori istituzionali, rendendo più veloce l’iter, anche sfruttando le garanzie pubbliche. Ne parliamo con Ignazio Rocco di Torrepadula, imprenditore fintech.Ma cosa vuole esattamente l’Italia in Europa? Sovvenzioni, cioè soldi a fondo perduto? Oppure è tutto parte di un disegno di lunga data (il piano B) per uscire dalla Ue e dall’euro, alimentando il vittimismo prevalente dei nostri connazionali? Ne parliamo con Lorenzo Bini Smaghi, economista, già nel board della Bce.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, l’esito dell’Eurogruppo, la posizione italiana e il rinvio alla sede naturale del Consiglio europeo per gli “strumenti finanziari innovativi”; la nuova azione della Fed a sostegno delle aziende statunitensi; la proposta Pd di una addizionale sui redditi, bizzarramente da molti definita “patrimoniale”, peraltro con gettito risibile.Come invertire il paradigma e passare dalla ospedalizzazione al territorio? Attraverso i dipartimenti di prevenzione, mediante i quali la sanità pubblica può esercita il proprio ruolo e funzione in modo molto potente. Ne parliamo con la dottoressa Stefania Santalmaso, epidemiologa, già a capo del Centro nazionale epidemiologia e sorveglianza dell’Istituto Superiore di Sanità.Possiamo estendere il “protocollo Ferrari” per la riapertura delle attività produttive e contemperare sicurezza e lavoro, come accade in altri paesi europei che hanno tassi di attività superiori al nostro, ed evitare che molte nostre aziende vengano definitivamente espulse dalle rispettive catene internazionali di fornitura? Ne parliamo con Luciano Vescovi, presidente di Confindustria Vicenza.Eppur si muove? Dopo i maxi acquisti della Bce, con deroga rispetto alle quote spettanti ai singoli paesi, e dopo quanto deciso dall’Eurogruppo ed in attesa dei misteriosi Recovery Bond, che accadrà quando la crisi sarà alle spalle ed i paesi europei avranno un fardello aggiuntivo di debito che si prospetta asimmetrico a nostro svantaggio? E quale via per una futura mutualizzazione senza mettere a rischio il debito nazionale esistente? Ne parliamo con Ferdinando Giugliano, giornalista di Bloomberg.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, il crollo verticale di attività economica a livello globale, che rende questa crisi diversa e assai più grave rispetto a quella del 2008; la disfatta del sito Inps e di un sistema basato su istanze che coesistono con una mole di informazioni personali in possesso delle amministrazioni pubbliche che giustificherebbe l’inversione dei processi di erogazione. I messaggi contraddittori di autorità e scienziati, e l’aumento di sanzioni per violazioni delle norme di quarantena.Il fermo delle attività produttive in base agli assai inadeguati codici Ateco ha congelato settori che risulteranno vitali per la nostra economia, oltre ad aver messo fuori gioco le imprese italiane presenti in catene globali di fornitura, col rischio di essere sostituite e non poter rientrare quando l’emergenza sarà alle spalle. Ne parliamo con Alessandro Malavolti, presidente di FederUnacoma, Federazione nazionale costruttori macchine per agricoltura.Lo Stato mette a disposizione delle imprese garanzie per liquidità, da veicolare attraverso il sistema bancario. Ma non è così semplice: col crollo dei fatturati entra in azione il diritto fallimentare ed il rischio è quello di bloccare le “tubazioni” idrauliche dell’economia. Ne parliamo con Fabio Bolognini, imprenditore fintech e consulente specialista di credito e ristrutturazioni di piccole e medie imprese.È arrivato per l’Eurozona il “momento Hamilton”, cioè la messa in comune di debito? E cosa vuole esattamente il governo italiano dal MES e riguardo al MES? Ne parliamo con Michele Boldrin, che coglie l’occasione per lanciare una “provocazione” su come recuperare risorse pubbliche in questo momento di inattività collettiva mentre nel paese si moltiplicano le suggestioni per la solita patrimoniale salvifica.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, l’emergenza sanitaria e quella economica, con le tensioni europee e l’intervento di Mario Draghi, che ha chiesto che il mancato reddito di famiglie ed imprese divenga debito pubblico, per evitare distruzioni di risorse economiche su vasta scala che pregiudicherebbero la ripresa. Ma oltre alle risorse serve rapidità di esborso: ritardi e burocrazia rischiano di essere fatali all’economia, non solo da noi.Ancora sul tracciamento dei contatti per piegare la curva dei contagi: il caso della Corea del Sud, che di fatto non ha attuato alcun lockdown. L’importanza dei microdati e del campionamento stratificato in luogo di dati aggregati la cui utilità è prossima a zero. Ne parliamo con Fabio Sabatini, professore associato di Politica economica presso il Dipartimento di Economia e Diritto della Sapienza Università di Roma.Si moltiplicano le stime sul colpo che la pandemia infliggerà all’economia. Con Nicola Nobile, economista di Oxford Economics, parliamo di numeri ma anche dei motivi per cui l’economia italiana si presenta più vulnerabile di altre, in ragione anche dell’incidenza del settore turistico e ristorazione (HoReCA) e del debito pubblico nazionale nel portafoglio delle nostre banche.Come unire le forze europee davanti alla pandemia lasciando sullo sfondo le polemiche sui debiti nazionali? Con la creazione di una autorità sanitaria europea che integri i sistemi sanitari dei singoli paesi per contrastare la scarsità di risorse ed attenuare le criticità di coordinamento, e che si finanzierebbe con emissione di titoli a lunga scadenza, cartolarizzati. Ne parliamo con chi ha proposto l’idea: Gianluca Codagnone, managing director del broker Fidentiis, e Thomas Manfredi, statistico dell’Ocse.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, gli effetti sull’economia reale del crollo dei mercati finanziari, e perché questa crisi è molto diversa (e peggiore) da quella del 2008. Le iniziative delle Bce e delle altre banche centrali, oltre alla forte espansione fiscale di emergenza che si prospetta, e che in Eurozona potrebbe portare alla nascita di un debito comune.Catene di fornitura e catene di liquidità: con Ivano Vacondio, presidente di Federalimentari, parliamo delle industrie “non interrompibili”, prima fra tutte quella della trasformazione alimentare, e delle criticità che si trovano a gestire: sicurezza sul luogo di lavoro, trasporto transfrontaliero di materie prime, pagamenti a fornitori e da clienti.Il dramma degli agenti di commercio, la cui attività si basa sul movimento e sulle relazioni interpersonali, e che rischiano di essere esclusi anche dall’erogazione di 600 euro perché appartenenti a professione ordinistica: ne parliamo con Luca Gaburro, segretario generale di Federagenti.La pandemia in Ue ha portato alla sospensione del patto di stabilità, come previsto dai trattati per circostanze eccezionali. Ci sarà anche la nascita di un eurobond basato sui fondi del MES, sia pure con finalità circoscritte all’emergenza salute? E servirebbe assegnare alla Ue competenze e fondi di bilancio in ambito sanitario, di cui è priva? Di questi temi, e della situazione negli Stati Uniti, parliamo con Michele Boldrin.Con Alessio Argiolas parliamo delle criticità del decreto Cura Italia, dove a fronte di limitati benefici per i contribuenti, come la sospensione per due mesi di versamenti ed adempimenti, ci sono anche “contropartite” previste da leggi precedenti, come la proroga di due anni degli accertamenti. Ad esempio, portando al 2022 quelle relative all’anno 2015.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l'attualità della settimana: le giravolte di politica sanitaria di Boris Johnson, mentre l’Europa con ritardo segue la via italiana; il crollo dei mercati finanziari da vette di prezzo che molti consideravano eccessive, per raffronto storico, e quello che potrebbe attendere fondi e gestioni patrimoniali; la disastrosa comunicazione di Christine Lagarde, che ha prodotto una frenetica azione di contenimento del danno da parte della Bce.La crisi sta spingendo gli stati ad intervenire a sostegno del proprio settore privato, nei limiti della propria capacità fiscale. Vista la criticità della situazione economica, avrebbe senso per l’Italia, colpita da evidente shock esogeno, richiedere alla Ue un prestito precauzionale a lungo termine e bassa condizionalità, oppure è preferibile mobilitare il risparmio privato interno con emissioni pubbliche esentasse, magari di tipo perpetuo? Ne parliamo com Giampaolo Galli, economista, vice direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani dell’Università Cattolica.L’esperienza di contrasto alla propagazione del virus da parte di Corea del Sud, Singapore e Taiwan, basata sul cosiddetto tracciamento dei contatti con utilizzo di Big Data può essere di esempio anche per noi? Di questo e dei timori relativi alla sfera della privacy parliamo con Alfonso Fuggetta, professore ordinario al Politecnico di Milano ed amministratore delegato del Cefriel.Il decreto fiscale che blocca i pagamenti previsti per il 16 marzo non era ancora emanato nella mattinata del 14. Il comunicato del Mef che preannuncia la sospensiva, ad esempio, nulla dice riguardo ai contributi, che sono di competenza Inps. Di questo ed altre criticità per contribuenti e commercialisti parliamo con Alessio Argiolas.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, la situazione economica del paese nell’emergenza coronavirus ed in quello che ne seguirà; cosa c’è dietro al rapporto deficit-Pil per il 2019, migliore delle attese; perché la congiuntura italiana era realmente debole nel quarto trimestre dello scorso anno.Il filo conduttore della puntata è su come cambia il lavoro al tempo dell’epidemia. Con Luigi Oliveri, docente di diritto amministrativo e dirigente pubblico, commentiamo la nuova direttiva sul lavoro da remoto nella PA. Che, come spesso accade, fissa delle disposizioni più o meno cogenti ma fa poco per attuarle concretamente.Con Ivo Ferrario, capo delle relazioni esterne di Centromarca, parliamo di come sta reagendo l’industria dei prodotti di marca per salvaguardare produzione e lavoratori e poter rispondere alle forti sollecitazioni da parte dei consumatori, e quale comunicazione è necessario fornire, a tutela della reputazione delle imprese.A quest’ultimo proposito, con Riccardo Dal Ferro, filosofo, scrittore ed esperto di comunicazione e divulgazione, cerchiamo di valutare che tipo di comunicazione è stata prodotta dall’inizio dell’emergenza e come è mutata, tra istituzioni e pubblico. Il rischio, come sempre, è quello del pregiudizio e dell’assenza di prudenza, che alimenta polarizzazioni.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.


  • Per l’attualità della settimana, il violento impatto dell’epidemia sui mercati finanziari, che avrà impatti sull’economia reale e viceversa; lo sciocco mantra politico della “terapia shock per l’Italia”, che da lustri scandisce invece gli shock che il paese subisce; i preparativi per la Brexit, con l’esercito di agenti doganali che le imprese britanniche dovranno assumere; lo spezzatino Alitalia, piatto avariato cucinato con anni di ritardo e conto “stellato” a carico dei contribuenti.Il governo ha preso le prime decisioni a sostegno dell’economia, per ora necessariamente blande e circoscritte, oltre ad aver nominato due “superconsulenti ideologici” esteri, tra stato imprenditore ed economia circolare in autoconsumo. Presto chiederemo nuova flessibilità alla Ue, ma per farne cosa? Nuovi sussidi a pioggia o una improbabile “riforma” dell’economia? Ne parliamo con Alberto Mingardi, direttore generale dell’Istituto Bruno Leoni.Si fa presto a dire smart working, ma che vuol dire in concreto? E siamo sicuri che la politica ascolti l’economia e la produzione, imprenditori e lavoratori, oppure stiamo sempre più scivolando e perdendo terreno, minati da tic populisti? Ne parliamo con Marco Bentivogli, segretario generale della Fim-Cisl.Ma è vero che la Germania sta per sospendere il vincolo costituzionale al deficit, come chiesto dal ministro delle Finanze, Olaf Scholz? E basta fare deficit per crescere, come (non) dimostra il caso italiano? Di questo e del lungo crepuscolo di Angela Merkel parliamo con Tobias Piller, corrispondente dall’Italia della Frankfurter Allgemeine Zeitung.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, la prossima nazionalizzazione di Ilva, che infinite perdite addurrà agli italici, senza risolvere alcunché; il caso del Giappone, che aumenta l’Iva con lo zuccherino del cashback e fa crollare il Pil; il boom di cassa integrazione italiana, che ormai sostiene le statistiche di occupazione e il “negoziato” sul salario minimo orario, che a 9 euro potrebbe spingere nel sommerso molte imprese, anziché alzare la produttività, come invece qualcuno vaneggia; i miracolosi dati Anpal sui percettori del reddito di cittadinanza che hanno trovato lavoro.Quale futuro per i vettori aerei italiani, dopo il collasso di Air Italy e l’eterna crisi sussidiata di Alitalia? Ne parliamo con Carlo Scarpa, ordinario di Economia politica presso l’Università di Brescia, con una considerazione su cosa è la continuità territoriale e perché viene a volte usata come pretesto politico.Si fa presto a dire digitalizzazione: finiti gli slogan, restano molte criticità. Ad esempio quella della formazione permanente, che fornisca al lavoratore competenze, non solo di base, per combattere l’obsolescenza professionale e favorire la ricollocazione. Ma come promuovere il cambiamento se prevale la “cultura del sussidio” ed una normazione barocca che ostacola l’innovazione per eccesso di dettaglio e scarsa comprensibilità? Ne parliamo con Lorenzo Greco, amministratore delegato di DXC Italia, e con Andrea Arrigo Panato, commercialista, autore del libro “Restartup. Le scelte imprenditoriali non più rimandabili“Chiusura tra il serio e il faceto con “processo” a Carlo Alberto, grande sostenitore dell’operazione Ubi-Intesa.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, l’eclatante contraddizione tra il boom del trasporto aereo passeggeri e le disastrate condizioni dei vettori italiani; le previsioni d’inverno della Commissione Ue, con la crescita dell’Italia che resta ultima con distacco ma con la soddisfazione dei politici di maggioranza per il reddito di cittadinanza che “puntella” consumi e Pil assai meno di quanto costi ai contribuenti.Il ministro della Cultura, Dario Franceschini, pare intenzionato ad aumentare la gabella dei compensi per copia privata, applicata su ogni device dotato di memoria di massa (inclusi smartwatch e activity tracker!), da girare agli autori tramite la Siae, malgrado nell’era dello streaming la “copia privata” non la faccia più nessuno. Di questa gabella persistente parliamo con Stefano Quintarelli, imprenditore del settore telecomunicazioni, saggista, già parlamentare.La metà dei pensionati italiani percepisce assegni di natura assistenziale, cioè trasferimenti pubblici erogati in assenza di contribuzione. Malgrado questa spesa ormai fuori controllo, l’Italia continua ad essere priva di una banca dati delle prestazioni assistenziali. Nel frattempo, i tassi di attività non migliorano e gli indici di povertà neppure. Di questa dipendenza dall’assistenza parliamo con Alberto Brambilla, presidente del centro studi di welfare Itinerari previdenziali.L’Agenzia delle Entrate ha stabilito che le spese sostenute per istruzione all’estero non sono detraibili o deducibili ai fini Irpef. Con buona pace di chi per i propri figli vorrebbe il meglio, anche indebitandosi. Nel frattempo, da noi prosegue lo smantellamento dei test Invalsi. Ne parliamo con Alessio Argiolas.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, i nuovi exploit della capitale italiana nel trasporto pubblico locale; l’ipotizzata riforma Irpef a mezzo di aumenti Iva, senza saper far di conto; la “proposta” americana di acquisire il controllo delle europee Nokia ed Ericsson per contrastare Huawei sul 5G: e l’Europa, che fa?La scuola assediata e soffocata dalla burocrazia o produttrice della medesima? L’alternanza scuola-lavoro come strumento di acritico assoggettamento dei giovani al capitalismo (sic) oppure come contaminazione tra due mondi? Ne parliamo con Alessandro Barbero, docente universitario, scrittore, medievista e superstar della divulgazione storica.Dal vinile allo streaming (e ritorno), passando per YouTube e TikTok ed i nuovi modelli di fruizione, consumo e produzione musicale: ne parliamo con Enzo Mazza, consigliere delegato di FIMI (Federazione italiana industrie musicali).Un cammeo della neo-presidente della commissione parlamentare d’indagine sulle banche, quando guidava la crociata contro una Autorità di vigilanza che, a suo dire, si pronunciava “a favore di popoli diversi da quello italiano” (sic), e che ora si ripromette di contrastare “la propaganda” di una commissione che, date le premesse ed i precedenti, nasce proprio per fare propaganda.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per lattualit della settimana, i nuovi exploit della capitale italiana nel trasporto pubblico locale\; lipotizzata riforma Irpef a mezzo di aumenti Iva, senza saper far di conto\; la proposta americana di acquisire il controllo delle europee Nokia ed Ericsson per contrastare Huawei sul 5G: e lEuropa, che fa\?

    \La scuola assediata e soffocata dalla burocrazia o produttrice della medesima\?\Lalternanza scuola-lavoro come strumento di acritico assoggettamento dei giovani al capitalismo \(sic\) oppure come contaminazione tra due mondi\? Ne parliamo con\Alessandro Barbero\, docente universitario, scrittore, medievista e superstar della divulgazione storica.

    \Dal vinile allo streaming \(e ritorno\), passando per YouTube e TikTok ed i nuovi modelli di fruizione, consumo e produzione musicale\: ne parliamo con\Enzo Mazza\, consigliere delegato di FIMI \(Federazione italiana industrie musicali\).

    \Un cammeo della neo-presidente della commissione parlamentare dindagine sulle banche\, quando guidava la crociata contro una Autorit di vigilanza che, a suo dire, si pronunciava a favore di popoli diversi da quello italiano \(sic\), e che ora si ripromette di contrastare la propaganda di una commissione che, date le premesse ed i precedenti, nasce proprio per fare propaganda.

    Buon ascolto, anche della\playlist\delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, i negativi dati di occupazione italiana a dicembre, con debolezza evidente sull’intero quarto trimestre 2019, riflesso di una pesante decrescita nello stesso periodo, causata con alta probabilità dalla nuova frenata della produzione manifatturiera; la formale uscita del Regno Unito dalla Ue ed il difficile percorso verso un nuovo trattato commerciale.Quanto potrebbe impattare il coronavirus sulla crescita globale, e soprattutto, sulle catene di fornitura? Stime molto difficili, per definizione, e non è d’aiuto la stima per analogia dell’episodio della Sars, nel 2002-2003, date le condizioni assai diverse dell’economia globale a quel tempo. Ne parliamo con Emilio Rossi, economista e senior partner di Oxford Economics.La repubblica dei bonus: il barocco fiscale italiano dagli 80 euro di Renzi ai cento del governo giallorosso. La crisi dell’Irpef, svuotata a colpi di imposte sostitutive ed eccezioni, aliquote marginali effettive che distorcono pesantemente l’offerta di lavoro e clausole di salvaguardia che incombono ormai in permanenza, nel paese che prende a prestito un futuro sempre più gramo. Ne parliamo con Luigi Marattin, economista e deputato di Italia viva, e Veronica De Romanis, economista.A proposito di Irpef, tassazione familiare e rimborsi: ma come fanno in Germania? Preparatevi a mangiarvi il fegato, ve lo spiega Udo Gümpel, corrispondente dall’Italia dell’emittente tedesca Rtl N-Tv.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, il balzo della cassa integrazione nel 2019, che si chiude con un’impennata della ordinaria, segno di affaticamento crescente della congiuntura. Forse anche questo spiega il fantomatico “boom” di occupazione. Le stime di Bankitalia su Quota 100 che non causa aumenti bensì riduzione di occupazione; il gran baccanale della fiscalità generale, a cui attingere per pensioni che saranno sempre più misere e miserabili, sino al collasso del paese.Ci siamo: dal primo febbraio il Regno Unito sarà fuori dalla Ue. Ma la vera deadline è il prossimo 31 dicembre, data entro cui negoziare il trattato di libero scambio con la Ue. Sarà Hard Brexit, cioè assenza di allineamento nella regolazione, ad esempio su ambiente e lavoro, e di conseguenza dazi e quote? Ne parliamo con Alberto Gallo, macro portfolio manager di Algebris.Demografia, causa ed effetto dei mali italiani. Che fare, visto che i ricorrenti bonus bebè, pannolini e quant’altro non cambiano il trend di fondo, e la pressione ad anticipare l’età pensionabile sta scavando la fossa alle giovani generazioni? Ne parliamo con Alessandro Rosina, professore ordinario di Demografia e Statistica sociale nella Facoltà di Economia dell’Università Cattolica di Milano.Il bonus 80 euro diventa 100 euro a platea allargata, da luglio. Servirà a sollevare il paese tirandolo per le stringhe oppure sarà la definitiva pietra tombale sull’eterna promessa della riforma Irpef, contrariamente a quanto sostiene il governo? E quali coperture per il 2021, anno di applicazione piena della misura? Ne parliamo con Alessio Argiolas, nostro tributarista di fiducia.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

  • Per l’attualità della settimana, la riforma costituzionale russa annunciata da Vladimir Putin, che lo porrà al vertice dello stato ancora per lungo tempo e gli consentirà di controllare i suoi aspiranti eredi; l’accordo sino-americano sul commercio, primo piccolo passo di un lungo ed accidentato percorso: le teorie sovraniste-cospirazionistiche sulla caduta di Bettino Craxi per mano di non troppo oscuri poteri stranieri e la realtà, fatta di persistente incapacità italiana di adeguarsi al contesto esterno.Con Alessio Argiolas discutiamo della proposta del Forum Diseguaglianze Diversità di assegnare 15 mila euro ad ogni diciottenne, su base universale e incondizionata, finanziata da una “tassa sui vantaggi ricevuti”, cioè da un forte inasprimento dell’imposta di successione.Con Udo Gümpel, corrispondente dall’Italia dell’emittente tedesca Rtl N-Tv, parliamo della transizione ambientale della Germania, con la fuoriuscita dal carbone e l’elettrificazione dell’industria automobilistica e le sfide che attendono le catene di fornitura, inclusa la parte italiana.Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.